Rallenta l’export dei principali distretti del lapideo italiano nei primi nove mesi del 2014

Rallenta l’export dei principali distretti del lapideo italiano nei primi nove mesi del 2014 - Elenco news
gio 15 GENNAIO 2015
Il distretto toscano mantiene la leadership per valore delle esportazioni; il veneto incrementa le vendite in USA. Opportunità per il made in Italy nel Regno Unito.  Si prepara Carrara 2015 Marmotec Expo Edition (18 – 21 giugno) l’evento che metterà a confronto il mondo del lapideo mondiale.

Nei primi nove mesi del 2014 l’industria lapidea italiana ha esportato marmi e graniti, grezzi e lavorati per un valore complessivo di 1.094.264.542 euro con un leggero calo (-0,14%) rispetto allo stesso periodo del 2013. Il risultato è da attribuire alla contrazione dei lavorati in granito e altre pietre, mentre il marmo lavorato segna ancora una crescita del +4,5% rispetto ai primi nove mesi 2013 per un valore di 677,6 milioni di euro.Il 63% dell’export di lavorati in pietra naturale, secondo le elaborazioni dell’Ufficio studi dell’Internazionale Marmi e Macchine Carrara, è stato realizzato dai primi due distretti italiani: il comprensorio Apuo-versiliese che include le province di Massa-Carrara, Lucca e La Spezia e quello del veneto con le province di Verona, Vicenza e Padova (vedi tavola).