MARMO: Nel 2014 i lavorati trainano l’export del lapideo italiano.

ven 20 MARZO 2015
Conferma del trend che esalta il valore del prodotto ancorato alla qualità, sostenibilità, tradizione, arte, territorio, cultura. La qualità premiata dai mercati: USA, Germania e Regno Unito prefigura un modello di sviluppo.
Nel corso del 2014 il settore lapideo italiano ha esportato 4milioni e 194.035 tonnellate di marmi, graniti, travertini e altri materiali sia grezzi sia lavorati per un valore di 1miliardo e 940.861.130 euro, registrando un leggero calo delle quantità del -1,8%, ma un aumento dei valori del +0,4% (vedi Tavola 1). Le statistiche relative all’intero 2014 sono diffuse da Internazionale armi e Macchine Carrara che ha elaborato, attraverso il suo ufficio studi, i dati Istat su base nazionale mettendoli a confronto con il suo archivio storico attivo dal 1979. La voce trainante dell’export italiano di marmi, graniti e altre pietre è quella del marmo lavorato che fa segnare un calo del -3,5% per le tonnellate esportate ma con un aumento dei valori del +3,8%, rispetto al 2013. Infatti, nel 2014, l’Italia ha esportato 891.933 tonnellate di lavorati di marmo per un valore complessivo di quasi 936 milioni di euro con un aumento del valore medio unitario molto significativo perché passa dai 975 euro a tonnellata del 2013 a 1049 euro a tonnellata facendo segnare un +7,5%.Diverso il risultato dell’export di marmo grezzo che, a fronte di un fatturato pressoché costante, fa registrare un calo delle quantità esportate del -3% su una cifra sempre molto importante di 1,3 milioni di tonnellate marmo in blocchi e lastre inviate all’estero per un valore di 331 milioni di euro. Non si ferma, invece, il trend negativo del granito con una perdita ulteriore di quote tanto che nel 2014 sono stati esportati blocchi per poco più di 136 mila tonnellate per un valore di 36 milioni (-9,8% in quantità e -10,3% in valore) mentre sono stati esportati lavorati di granito per 570mila tonnellate del valore, ancora ragguardevole, seppure in calo, di 534,6 milioni di euro (-2,3% in quantità e -4,2% in valore). Il calo del -2% del valore medio unitario per l’export nazionale di granito lavorato ( che resta di 938 euro a tonnellata) testimonia le difficoltà che le aziende italiane cominciano ad affrontare nel competere con paesi ormai leader nella lavorazione come Brasile, India e, soprattutto, Cina per la quale invece il valore medio dei lavorati in granito è oggi ancora contenuto (414 euro per tonnellata) ma in crescita del +4,7%. “I dati, che presentano luci e ombre, ribadiscono la connotazione che ha ormai assunto il settore italiano della pietra naturale nel quale il marmo assume un ruolo centrale – commenta il presidente di IMM Fabio Felici – e di fronte a questi elementi si impongono scelte che devono tenere conto del quadro che si è definito con chiarezza. Sarebbe utile riflettere su una strategia che consenta di collocare i nostri lavorati su un piano diverso rispetto a quelli di paesi concorrenti che hanno un costo del lavoro più basso e normative ambientali meno stringenti. Da anni ormai il nostro export si caratterizza per il valore e la qualità del lavorato trasformato ed è essenziale puntare sul manufatto di qualità che esalta la nostra tradizione e il nostro saper fare che crea un prodotto di eccellenza e unico sul mercato mondiale. E’ necessario perciò – prosegue il presidente Felici – definire strategie condivise investendo in comunicazione e marketing e migliorare le sinergie possibili tra industria, sostenibilità, tradizione, arte, territorio e cultura perché sono i vantaggi competitivi del Made in Italy sui quali possono puntare le nostre aziende. I prossimi mesi saranno molto importanti non solo per le strategie ma anche per rilevare segnali dal mercato interno che, ormai da anni, si è attestato su livelli assolutamente insoddisfacenti. Molti elementi di riflessione relativi sia ai mercati sia all’evoluzione del prodotto verranno da Carrara 2015 Marmotec Expo Edition che si terrà dal 18 al 21 giugno e che ci consentirà di raccogliere ed elaborare informazioni e riflessioni del mondo degli operatori internazionali e degli architetti italiani categoria fondamentale nella scelta e nell’uso del marmo”.