Marmo italiano: Aumenta l'export anche nel primo semestre 2014

lun 15 SETTEMBRE 2014
la domanda tedesca ma cala quella USA. Di nuovo in positivo l’import per ordini e scorte.

Nel primo semestre 2014 il settore lapideo italiano ha esportato 2,2 milioni di tonnellate di materiali, grezzi e lavorati, per un valore di oltre 955 milioni di euro, con una crescita del 5,5% in quantità e del 3,43% in valore rispetto allo stesso periodo del 2013 (vedi Tavola numero 1).Lo rende noto l’Internazionale Marmi e Macchine Carrara Spa che diffonde, come di consueto, i dati relativi al primo periodo dell’anno elaborati da fonte Istat, sottolineando che il contributo più importante alla crescita è stato dato dal marmo in blocchi e lastre spedito sui mercati esteri per una quantità di 763,6 mila tonnellate (+9,2%) con un valore di quasi 177 milioni di euro (+11,4%). Si riduce invece, seppure con percentuali modeste, la quantità esportata di marmo lavorato (442 mila tonn, -2%) ma non i valori che passano dai 423,4 milioni di euro esportati nel primo semestre 2013 ai 450 milioni di euro per lo stesso periodo del 2014, con una crescita tendenziale del +6,35%. Prosegue la contrazione delle esportazioni di granito in blocchi e lastre: -13% in quantità e -12,46% in valore, per un totale di 65 mila tonnellate per un valore di 17,7 milioni. Più contenuta, anche se negativa, la variazione delle esportazioni di granito lavorato che ammontano a 272,7 mila tonn. per 254 milioni (- 3,5% in quantità e -5,7% in valore).