Carrara Marble Weeks, è spettacolo in città

mer 1 LUGLIO 2015
Carrara Marble Weeks, è spettacolo in città. Tanta gente nelle strade e sulle piazze per l’apertura della quinta edizione con un lungo corteo attraversato dai colori e dalla scenografia dei Nouvelle Lune. I grandi dell’architettura a CarraraFiere per il convegno Dalle grandi incompiute alla grande bellezza – Politiche e strategie per la riqualificazione del territorio italiano.

Carrara Marble Weeks si è aperta per la città con un affascinante spettacolo di luci e colori condotto dai Nouvelle Lune gruppo di artisti che ha accompagnato tanti cittadini, assieme alle autorità, alla scoperta della quinta edizione di un evento che vuole valorizzare il rapporto profondo della città con il marmo, l’arte, la cultura e il design.“Questa sera apriamo ufficialmente Carrara Marble Weeks che quest’anno contiene una serie di eventi che caratterizzeranno l’intera estate. È un’edizione che conferma la capacità di Carrara – ha detto il presidente di IMM/CarraraFiere Fabio Felici al consueto appuntamento in piazza d’Armi  – di mantenere un suo rapporto con l’arte in generale e con il marmo grazie alle opere collocate sulle piazze e nelle strade con tutte le loro espressioni più significative. È un dialogo con l’arte sempre aperto grazie a un rinnovarsi continuo dei protagonisti del quale dobbiamo essere fieri e riscoprirlo come valore.” La lunga visita condotta fra luci e suoni attraverso la città, prima tappa piazza duomo, poi la piazza Alberica fino alle mostre e installazioni di design ospitate nello spazio del Paretra, ha confermato la soddisfazione espressa dall’assessore alla cultura Giovanna Bernardini che ha fatto proprie le riflessioni di uno degli ospiti presenti all’inaugurazione” una città bellissima, che riesce ad essere essa stessa spettacolo affascinando chi la visita per la prima volta come chi la conosce da anni, e che sarà teatro di tanti eventi fino alla fine dell’estate con mostre di valore assoluto”.Alberto Pincione, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara, ha sottolineato che “si apre un’edizione di qualità che mette Carrara al centro dell’attenzione di chi ama l’arte e, più in generale, la cultura in tutte le sue manifestazioni. La nostra Fondazione, oltre a sostenere un evento che fa apprezzare questo legame storico e sempre vivo della città con il marmo, ribadisce che gli investimenti in cultura sono quelli che garantiscono le ricadute più importanti per il presente e per il futuro”. La lunga visita di quanti hanno partecipato all’inaugurazione è stata preceduta dalle evoluzioni dei Nouvelle Lune, artisti di strada che hanno creato un’atmosfera magica fra gli edifici del centro storico con spettacolo finale in piazza Alberica esibendosi fra le opere di Tomaino, le installazioni di luce di Emiliana Martinelli e gli “Amateurs” di Michele Monfroni che hanno fatto da spettatori. Uno scenario magico che conferma la bontà dell’impianto progettuale di Carrara Marble Weeks che si articola su percorsi d’arte, installazioni, sculture, design, ma prevede anche mostre, musica, eventi culturali che fa vivere attivamente la città con i suoi palazzi, le piazze storiche gli spazi conosciuti e i luoghi meno frequentati, di giorno come la sera. Anche l’edizione 2015, infatti, è un evento che celebra, con nuove proposte e iniziative inedite, il marmo materia nobile e simbolo di Carrara. Un motivo di  stimolo a visitarla per capire meglio le caratteristiche del luogo dove l’arte nasce dal dialogo fra protagonisti della cultura più originale e del lavoro più impegnativo e nelle sere dell’estate offre a tutti,  grande pubblico e specialisti, un momento di riflessione o un’emozione.L’obiettivo è, infatti, quello di comunicare un’emozione che, negli occhi e nella mente di chi guarda conduca alla propria personale visione dell’opera o dell’installazione, per interpretarla, approfondirla o, più semplicemente, per vivere un gradevole momento contemplativo. A completare l’ampia offerta della manifestazione anche un ricco calendario di spettacoli che accompagneranno il visitatore lungo i percorsi dedicati all’arte, all’architettura e al design. Carrara Marble Weeks sarà, ancor più che nel passato, un evento autonomo con una forte caratterizzazione, ma farà anche da cornice ad iniziative che si svolgeranno nel corso dell’estate.  Fra le iniziative che richiameranno appassionati e curiosi fin dal 18 giugno Carrara design Factory, (Via Loris Giorgi) con “Marmo svelato…o meraviglia rivelata”  collezione di oggetti di design esclusivi creati utilizzando alcuni dei marmi  più  belli.Benny Posca, in arte Bypos, presenta  “Daedalus brain”, opera del ciclo “New brains” sul tema della libertà di pensiero, perfettamente rappresentata  dalla mente alata di Dedalo, personaggio controverso e geniale che ha sempre affascinato storici e artisti non meno che la gente comune.Fra i partecipanti di maggior fama Giuliano Tomaino, l’artista ligure che è stato scelto per abbellire  il viale Decumano di EXPO ma anche Doonia Maaoui, scultrice di  particolarissime sculture femminili in bronzo e gesso con lavori che saranno esposti al piano terreno del Paretra nella via Beccheria Michel Boucquillon presenta “Bague light table” un unico pezzo di marmo bianco, pensato per uso esterno con il tavolo bague, sopra una base conica in legno, che diventa un’enorme lampada al culmine della via Roma. Andrea Salvetti scultore e designer lucchese che realizza opere, anche di grandi dimensioni, usando molti materiali e tecnologie diverse, proporrà una scultura in acciaio inox in Piazza d’Armi. Stonecycle (in via Ulivi) partecipa con la prima Capsule Collection denominata “5 Senses Marble Design Collection”. 

ECCO GLI ALTRI EVENTI DELL’ESTATE DI Carrara MARBLE WEEKS:- Canova e i maestri del marmo. La scuola carrarese all’Ermitage. Mostra di scultura a Palazzo Cucchiari organizzata dalla Fondazione Giorgio Conti  con la collaborazione del Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo e del Comune di Carrara (dal 13 giugno al 4 ottobre); - Pittura fra Toscana e Liguria nel Seicento  (dal 3 al 31 luglio; 22 Capolavori messi a disposizione da Istituti e Fondazioni Bancarie Italiane) a Palazzo Binelli con opere, fra gli altri, di Van Dijk, Bernardo Strozzi, Giovacchino Assereto, Grechetto, Pietro Paolini, Rutilio Manetti e  Bernardino Mei. A cura di Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara;- Carrara, Cárdenas e la Negritudine – prima grande mostra antologica in città con opere collocate nelle strade , in Galleria Duomo e CAP (Centro Arti Plastiche) con sculture in marmo, in legno, in bronzo, in gesso e disegni inediti. ( dal 10 luglio al 13 settembre)

Lorenzo Marchini