A Carrara la Festa dell’Architetto 2015: Dalle grandi incompiute alla grande bellezza

mar 16 GIUGNO 2015
Politiche e strategie per la riqualificazione del territorio italiano al centro del del convegno conclusivo delle tre giornate della terza Festa dell’Architetto. Il programma ufficiale. Un argomento che, pur nella necessaria sintesi, rappresenta in modo significativo il momento del nostro paese. Una fase estremamente delicata che può generare una nuova rinascita per l’intera Italia, ma che non ammette più errori né ritardi. La Festa dell’Architetto – che il Consiglio Nazionale degli Architetti PPC organizza per la terza volta – non è mai un’occasione di festa in senso letterale. Ma un momento di incontro e riflessione per la comunità dei progettisti che hanno l’opportunità di confrontarsi e ragionare sulla professione: sul piano specifico dei vari aspetti e su quello più generale dei grandi temi, sociali ed etici. Quest’anno l’iniziativa si tiene a Carrara dal 18 al 20 giugno negli spazi di CarraraFiere, con il supporto essenziale degli Ordini provinciali di Massa Carrara, Pisa, Firenze, La Spezia e delle Federazioni regionali toscana e ligure.Sono in programma tre giorni dedicati a eventi formativi professionali su una serie molto ampia di temi, ma anche a incontri con i protagonisti del mondo dell’architettura e delle istituzioni per ragionaresulla riqualificazione del territorio italiano e sul ruolo dell’architettura. Gli architetti sono consapevoli del loro ruolo, che anzi chiedono di svolgere con maggiore possibilità di incidere nella realtà: una risorsa professionale e culturale che può dare molto al processo di rinascita del paese. “La missione degli architetti italiani - sottolinea Leopoldo Freyrie, presidente del Consiglio nazionale degli Architetti presentando l’iniziativa -  è quella di contribuire a trasformare il territorio italiano e le nostre città in una miniera di cultura, formazione e bellezza. Siamo pronti - e in questi anni ne abbiamo dato prova - a risolvere i problemi della condizione del patrimonio edilizio italiano, ed in primis di quello scolastico, ad innovare i modelli e le tecniche dell’abitare, a promuovere la sostenibilità ecologica ed economica”.Come è solida consuetudine nell’ambito della Festa dell’Architetto sono previsti alcuni momenti di particolare approfondimento che si segnalano per l’importanza dei temi trattati.Due le conferenze in programma, entrambe in calendario il 19 giugno:alle 14 “Paesaggi contemporanei” tema trattato da Alessandro Cambi, di Scape, il gruppo progettuale proclamato migliore Giovane Talento nel 2014. Alle 18 sarà di scena Stefano Boeri sul tema “Architecturalflops”. Nella stessa giornata, alle 16, sarà presentata l’edizione 2015 dei due premi che ogni anno il Cnappc organizza: Premio Architetto dell’anno e Premio Giovane Talento dell’Architettura Italiana.  A chiudere la tre giorni, il 20 giugno alle 10, il convegno che vedrà protagonisti: Leopoldo Freyrie, Bernadette Veca, Simone Cola, Marco Navarra, Stefano Boeri, Alessandro Cambi, Lorenzo Bellicini, Arturo Giusti, Elvio Cecchini. La Festa dell’Architetto si inserisce nella serie di iniziative che tradizionalmente caratterizzano il dibattitto architettonico e culturale a Carrara. Pietra & Progetto è l’evento-contenitore – promosso dagli Ordini provinciali di Massa Carrara, Pisa, Firenze, La Spezia e delle Federazioni regionali toscana e ligure – che organizza, in collaborazione con altre realtà, una serie di iniziative diffuse in varie zone della città incentrate sul materiale locale per eccellenza: il marmo. Sarà così inaugurata la mostra “Stone Academy”, a cura di un’associazione di professori universitari che espone elaborati di studenti, accanto a “Centro Carrara Marble Week”: installazioni di design e artistiche realizzate in marmo ed esposte in vari spazi del centro cittadino, all’aperto e nei pala